Olio Extra Vergine di Oliva vs. Oli di Semi: I Benefici dell'Oro Verde Mediterraneo

Olio Extra Vergine di Oliva vs. Oli di Semi: I Benefici dell'Oro Verde Mediterraneo

Olio Extra Vergine di Oliva vs. Oli di Semi: I Benefici Incontestabili dell'Oro Verde Mediterraneo

Nel corso del secolo scorso, il consumo di oli derivati dai semi, noti anche come oli vegetali, è aumentato in modo significativo. Gli scienziati avvertono che le diete moderne sono troppo ricche di questi grassi e che la nostra eccessiva dipendenza da essi potrebbe danneggiare la nostra salute.

Cosa Sono Gli Oli di Semi?

Il termine "oli derivati dai semi" è un termine generico utilizzato per descrivere oli vegetali ricchi di omega-6 ottenuti dai semi. Anche oli come quello di soia e l'olio di colza sono inclusi tra gli oli derivati dai semi, anche se non provengono da questi.

Gli oli derivati dai semi industriali, noti anche come oli vegetali, sono presenti praticamente ovunque. Se si utilizzano oli da cucina comuni, si consumano alimenti confezionati o si mangia fuori nella maggior parte dei ristoranti, è probabile che li si consumi ogni giorno.

E non sareste i soli: a livello globale, la produzione di oli vegetali è aumentata di oltre 16 volte dal 1909, è raddoppiata negli ultimi 20 anni e si prevede che crescerà del 30% nei prossimi quattro anni.

Gli oli derivati dai semi sono ottenuti dai semi di coltivazioni, spesso utilizzando metodi industriali che comprendono solventi, alte temperature e grandi quantità di pressione meccanica. Questo è uno dei motivi per cui sono un'aggiunta relativamente recente alla dieta umana: prima della produzione e lavorazione industriale su larga scala, semplicemente non era un'opzione praticabile produrre molti oli derivati dai semi o aggiungerli agli alimenti.

Quali Sono gli Oli di Semi?

L'olio di colza, l'olio di mais, l'olio di semi di cotone, l'olio di semi d'uva, l'olio di arachidi, l'olio di crusca di riso, l'olio di soia, l'olio di cartamo e l'olio di girasole sono oli derivati dai semi industriali che potresti voler evitare per motivi di salute. Fai attenzione anche ai prodotti che contengono "olio vegetale" o "miscela di oli vegetali", che sono termini alternativi per gli oli derivati dai semi.

Cos'è l'Acido Linoleico?

L'acido linoleico è un acido grasso polinsaturo omega-6 (PUFA) che si trova naturalmente in una vasta gamma di alimenti, ma soprattutto in molti tipi di noci, semi e oli derivati dai semi.

Essendo il componente principale degli oli vegetali ottenuti da colture di semi, l'acido linoleico è una fonte significativa di calorie in molti alimenti processati. Come altri acidi grassi, contribuisce alle "sensazioni in bocca" o alle proprietà sensoriali degli alimenti trasportando composti aromatici e alterando le consistenze.

Essendo un acido grasso omega-6, l'acido linoleico è uno dei due acidi grassi essenziali naturalmente presenti (EFA) che gli esseri umani devono ottenere attraverso l'alimentazione. In altre parole, il tuo corpo non può produrlo da altri composti presenti negli alimenti.

L'acido linoleico è Buono o Dannoso?

Piccole quantità di acido linoleico, pari all'1-2%, sono necessarie per la sopravvivenza, ma la ricerca collega quantità più elevate a problemi di salute, tra cui infiammazione, malattie cardiache, cancro, demenza e altre malattie neurologiche, diabete e obesità.

Secondo un articolo pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, il consumo pro capite di olio di soia (che contiene circa il 55% di acido linoleico) è aumentato di 1000 volte dal 1909 al 1999, insieme all'aumento di altri oli vegetali omega-6 industriali che non erano ampiamente disponibili prima del XX secolo.

Come diretta conseguenza del consumo crescente di oli ad alto contenuto di acido linoleico, la maggior parte delle persone assume ora il 6-10% o più delle loro calorie dall'acido linoleico, e i sondaggi nutrizionali suggeriscono che questo trend continuerà a crescere.

Quindi, perché è un problema così significativo? Poiché è un acido grasso polinsaturo omega-6, l'acido linoleico è intrinsecamente instabile. Si ossida (si decompone) più facilmente rispetto alla maggior parte degli altri grassi, durante la produzione, la conservazione, il trasporto, la cottura e anche nel tuo corpo dopo averlo mangiato.

E poiché il tuo corpo lo incorpora direttamente nelle membrane cellulari, l'acido linoleico in eccesso si accumula nelle cellule nel tempo, causando instabilità e infiammazione a livello cellulare.

Olio Extra Vergine di Oliva e Acido Linoleico:

L'olio extra vergine di oliva è noto per essere ricco di grassi monoinsaturi e povero di acido linoleico. In media, l'olio extra vergine di oliva contiene meno dell'1% di acido linoleico per 100 grammi. Questa bassa quantità è dovuta all'origine dell'olio, poiché è ottenuto dalle olive, che hanno naturalmente un basso contenuto di acido linoleico.

Oli di Semi Principali (per confronto):

  • Olio di Semi di Mais: Questo olio è noto per la sua alta concentrazione di acido linoleico. Contiene in media circa il 28-59% di acido linoleico per 100 grammi, rendendolo una delle fonti più ricche di questo acido grasso.
  • Olio di Semi di Girasole: Anche l'olio di semi di girasole è noto per essere ricco di acido linoleico. Contiene in media circa il 65-74% di acido linoleico per 100 grammi, il che lo rende una delle fonti più concentrate di questo acido grasso.
  • Olio di Soia: L'olio di soia è un altro olio di semi comune con un alto contenuto di acido linoleico. Contiene in media circa il 50-57% di acido linoleico per 100 grammi.

Qual’è L’Olio più Sano da Mangiare?

L'olio è un ingrediente fondamentale nella cucina di tutto il mondo, ma quando si tratta di scegliere quale olio utilizzare, l'olio extra vergine di oliva brilla per i suoi benefici per la salute e il suo sapore unico.

Per comprendere appieno le differenze tra l'olio extra vergine di oliva e gli oli derivati dai semi, è importante esaminare il processo di estrazione. L'olio extra vergine di oliva è ottenuto spremendo le olive, un frutto ricco di antiossidanti, grassi sani e composti bioattivi. Questo metodo di estrazione a freddo preserva gran parte dei benefici per la salute delle olive. D'altra parte, gli oli derivati dai semi, come l'olio di semi di mais, di girasole o di soia, sono spesso ottenuti attraverso processi di estrazione chimica e raffinazione, che possono compromettere la qualità nutrizionale.

I Benefici dell'Olio Extra Vergine di Oliva:

  • Ricco di Antiossidanti: L'olio extra vergine di oliva è ricco di antiossidanti potenti, come la vitamina E e i polifenoli. Questi composti aiutano a combattere i radicali liberi nel corpo e possono ridurre il rischio di malattie croniche.
  • Grassi Sani: L'olio extra vergine di oliva è una fonte eccellente di grassi monoinsaturi, noti per promuovere la salute del cuore. Questi grassi possono contribuire a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e migliorare la salute cardiovascolare.
  • Benefici per la Salute Cerebrale: Alcune ricerche suggeriscono che l'olio extra vergine di oliva può svolgere un ruolo nella prevenzione delle malattie neurodegenerative, come l'Alzheimer, grazie ai suoi effetti protettivi sul cervello.
  • Infiammazione Ridotta: L'olio extra vergine di oliva contiene composti che possono aiutare a ridurre l'infiammazione nel corpo, il che è benefico per una serie di condizioni, tra cui le malattie autoimmuni.
  • Miglior Sapore e Aroma: L'olio extra vergine di oliva offre un sapore e un aroma distintivi che arricchiscono ogni piatto. La sua versatilità in cucina è insuperabile.

Conclusione

In conclusione, l'olio extra vergine di oliva si distingue dagli oli derivati dai semi per la sua eccezionale qualità nutrizionale e i benefici per la salute che offre. Grazie al suo processo di estrazione naturale e alla sua ricchezza di antiossidanti, grassi sani e composti bioattivi, l'olio extra vergine di oliva è una scelta superiore in cucina e nella promozione della salute. Mentre gli oli derivati dai semi possono avere il loro posto in alcune preparazioni culinarie, è difficile competere con l'oro verde mediterraneo quando si tratta di salute e sapore.

Zurück zum Blog

Hinterlasse einen Kommentar

Bitte beachte, dass Kommentare vor der Veröffentlichung freigegeben werden müssen.